I Commissione - Resoconto di mercoledý 15 novembre 2006


Pag. 17


COMITATO PERMANENTE PER I PARERI

Mercoledì 15 novembre 2006. - Presidenza del presidente Riccardo MARONE.

La seduta comincia alle 9.25

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2007).
C. 1746/bis-A.
(Parere all'Assemblea).
(Esame emendamenti e conclusione - Parere).


Pag. 18

Riccardo MARONE, presidente, sostituendo il relatore, propone di esprimere un parere contrario sui subemendamenti 0.68.500.16 Garagnani e 0.182.500.16 Di Centa, nonchè sui subemendamenti 0.199.500.9, 0.199.500.10, 0.199.500.11, 0.199.500.12, 0.199.500.13 Garavaglia, nella parte in cui non prevedono forme concertative con le regioni per il riparto delle risorse, ed un parere di nulla osta sui restanti subemendamenti.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del relatore (vedi allegato 1).

La seduta termina alle 9.30.

SEDE REFERENTE

Mercoledì 15 novembre 2006. - Presidenza del presidente Luciano VIOLANTE. - Interviene il sottosegretario di Stato all'interno Marcella Lucidi.

La seduta comincia alle 14.15

Sui lavori della Commissione.

Gabriele BOSCETTO (FI) interviene in riferimento al seguito dei pareri espressi dall'apposito Comitato permanente istituito nell'ambito della Commissione. Al riguardo fa presente di essere intervenuto nel corso della seduta dell'Assemblea di ieri, martedì 14 novembre 2006, nel corso dell'esame dell'articolo 8 del disegno di legge finanziaria, che attribuisce ai comuni la facoltà di istituire un'imposta di scopo per la realizzazione di determinate opere pubbliche, per evidenziare come il condivisibile parere reso all'Assemblea su tale articolo dal Comitato permanente per i pareri, volto ad evidenziare alcuni profili problematici in relazione al principio di autonomia finanziaria degli enti territoriali stabilito dall'articolo 119 della Costituzione, non sia stato adeguatamente sostenuto, in occasione dell'esame di tale articolo, dai deputati della maggioranza. In proposito ritiene opportuno evidenziare l'esigenza di una maggiore presa in considerazione dei pareri espressi dal Comitato permanente per i pareri non solo da parte dei deputati di opposizione, come avvenuto nel corso della seduta di ieri, ma anche da parte dei deputati di maggioranza componenti del Comitato, che tali pareri approvano.

Roberto ZACCARIA (Ulivo) si sofferma sul contenuto del parere che il Comitato permanente della I Commissione ha espresso sul testo del disegno di legge finanziaria, come licenziato dalla Commissione bilancio con riferimento agli articoli 8 e 9; in proposito ritiene che debba essere tenuta distinta la problematica in ordine alla istituzione con legge statale di fondi a destinazione vincolata nelle materie di competenza regionale, su cui si è formato un preciso indirizzo interpretativo della Corte costituzionale, contrario ad ogni forma di ingerenza da parte del legislatore statale, da quella relativa alla possibilità riservata ai comuni di istituire nuove imposte, in ordine alle quali potrebbe a proprio avviso configurarsi la possibilità per lo Stato di indicare le modalità di destinazione dei relativi proventi. Sottolinea pertanto che l'interpretazione fornita dal deputato Boscetto nel corso della seduta di ieri in Assemblea sulla portata del parere in questione, che al riguardo recava solo mere osservazioni, ne abbia accentuato la portata e di non essere intervenuto in replica allo stesso deputato Boscetto per ragioni di opportunità.

Gabriele BOSCETTO (FI) ritiene che gli indirizzi interpretativi della Corte costituzionale in materia di fondi statali a destinazione vincolata nelle materie di competenza regionale, contraria a forme di ingerenza statale in scelte rimesse all'autonomia delle regioni e degli enti locali nell'esercizio delle funzioni ad essi assegnate dalla Costituzione, possa trovare applicazione anche alle citate fattispecie di cui agli articoli 8 e 9 del disegno di legge finanziaria, che ritiene del tutto analoghe quanto al vincolo derivante dalle imposte


Pag. 19

di scopo all'esercizio delle funzioni amministrative degli enti locali, benché non esistano puntuali pronunce della Corte in materia. Prende atto, comunque, delle precisazioni fornite dal deputato Zaccaria in ordine alle motivazioni che lo hanno indotto a non intervenire in materia, pur ribadendo l'opportunità, in tali casi, di un intervento del presidente del Comitato permanente per i pareri a sostegno delle posizioni espresse in quella sede.

Norme sulla libertà religiosa e abrogazione della legislazione sui culti ammessi.
C. 36 Boato e C. 134 Spini.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, il 13 novembre 2006.

Gabriele BOSCETTO (FI) fa presente che i deputati Garagnani, Paoletti Tangheroni, Santelli e La Loggia intendono intervenire nel corso dell'esame delle proposte di legge in titolo, riservandosi anch'egli di svolgere un intervento.

Roberto ZACCARIA (Ulivo), relatore, ricorda che anche da parte del deputato Cota era stata formulata una richiesta di intervento.

Luciano VIOLANTE, presidente, nessuno chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

Rimborsi delle spese per le consultazioni elettorali svoltesi nell'anno 2006 per il rinnovo della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.
C. 1667 Brugger.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, il 13 novembre 2006.

Luciano VIOLANTE, presidente, sostituendo il relatore Boato, impossibilitato a partecipare ai lavori della Commissione poiché impegnato nella riunione dell'Ufficio di presidenza, ricorda che lo stesso relatore, nel corso della seduta dello scorso 13 novembre, aveva invitato i presentatori al ritiro degli emendamenti, avvertendo che altrimenti il parere sarebbe stato contrario.

Il sottosegretario Marcella LUCIDI esprime parere conforme a quello del relatore.

Gabriele BOSCETTO (FI) dichiara di sottoscrivere gli emendamenti presentati dal deputato Cota.

Domenico BENEDETTI VALENTINI (AN) dichiara di sottoscrivere gli emendamenti presentati dal deputato Bocchino nonché l'emendamento 1.19 Briguglio.

La Commissione, con distinte votazioni, respinge gli identici emendamenti 1.1 Cota e 1.2 Bocchino nonché 1.3 Cota e 1.4 Bocchino. Respinge inoltre gli emendamenti 1.5 e 1.6 Bocchino, 1.19 Briguglio, 1.7 e 1.8 Bocchino, gli identici emendamenti 1.9 Cota e 1.10 Bocchino, nonché gli emendamenti 1.11, 1.12, 1.13, 1.14, 1.15, 1.16, 1.17 e 1.18 del deputato Bocchino. Respinge gli identici emendamenti 2.1 Cota e 2.2 Bocchino nonché l'emendamento 2.3 Bocchino.

Gabriele BOSCETTO (FI) ricorda che, nel corso dell'esame del provvedimento in oggetto, aveva fatto presente l'esigenza di non accelerare il relativo iter al fine di evitare che la maggioranza potesse condizionare il consenso alla manovra di bilancio da parte delle formazioni politiche interessate dal provvedimento stesso, che si configura alla stregua di una legge ad personam. Rileva inoltre che da parte del relatore non sono stati accolti i suggerimenti da lui proposti nel corso della seduta dell'8 novembre scorso, consistenti nell'abolizione del termine decadenziale per la presentazione delle domande di rimborso, ovvero di stabilire l'obbligo per il Presidente della Camera di segnalare la


Pag. 20

scadenza del termine di presentazione delle domande stesse. Pertanto, anche in considerazione del fatto che sono stati respinti tutti gli emendamenti presentati, ritiene che da parte della maggioranza si intenda giungere ad una rapida approvazione del provvedimento in oggetto solo al fine di assicurare voti a sostegno della manovra di bilancio da parte dei gruppi che trarranno beneficio dallo stesso provvedimento. Dichiara quindi l'orientamento nettamente contrario da parte del proprio gruppo sulla proposta di legge in esame.

Roberto ZACCARIA (Ulivo) osserva che le ragioni sottese all'approvazione della proposta di legge in esame vanno ricercate nella opportunità di assicurare coerenza alle decisioni legislative che vengono prese sugli stessi oggetti a distanza di tempo ravvicinato ed in mancanza di elementi che giustifichino decisioni diverse. Ricorda infatti che i provvedimenti approvati nel 2001 e nel 2005, come evidenziato nella relazione introduttiva del deputato Boato, rispondevano alla medesima logica volta a sanare situazioni identiche a quella in questione. Si dichiara tuttavia disposto ad esaminare proposte di modifica alla disciplina generale in materia, che possano evitare il ripresentarsi di analoghe situazioni in futuro.

Luciano VIOLANTE, presidente e relatore, fa presente che le proposte formulate dal deputato Boscetto sono state analizzate dal relatore, il quale ha tuttavia fatto presente, nelle sedute dell'8 e del 13 novembre 2006, la difficile praticabilità delle stesse. In particolare, ricorda che la disposizione che ha originato la proposta di legge in esame trova la propria ratio nella necessità di evitare il sorgere di contestazioni al momento della richiesta del rimborso delle spese elettorali, ove questa venisse formulata successivamente allo svolgimento delle consultazioni elettorali. Ritiene tuttavia opportuno che la Commissione rifletta sulla possibilità di individuare soluzioni idonee ai problemi posti dal deputato Boscetto. Dopo aver ricordato che dall'approvazione della proposta di legge in oggetto beneficerebbero anche formazioni politiche che non hanno rappresentanza in Parlamento, fa presente che il senatore interessato dal provvedimento in esame fa già parte della maggioranza parlamentare e che, pertanto, non è in alcun modo condizionabile dal provvedimento in titolo.

Domenico BENEDETTI VALENTINI (AN) dichiara di condividere l'intervento svolto dal deputato Boscetto, sottolineando come la proposta di legge in oggetto sia volta ad assicurare benefici economici a formazioni politiche predeterminate, preannunciando per tali ragioni il voto contrario da parte del proprio gruppo.

Luciano VIOLANTE, presidente e relatore, avverte che il testo della proposta di legge sarà trasmesso alla V Commissione per l'espressione del prescritto parere. Nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sulle vicende relative ai fatti accaduti a Genova nel luglio 2001 in occasione del vertice G8 e delle manifestazioni del Genoa Social Forum.
C. 1043 Mascia e C. 1098 Sgobio.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, il 13 novembre 2006.

Gabriele BOSCETTO (FI) dichiara la propria intenzione di svolgere un intervento sul provvedimento in titolo.

Luciano VIOLANTE, presidente, essendo imminente la prevista riunione del Comitato permanente per i pareri, invita il deputato Boscetto a rinviare lo svolgimento del suo intervento alla seduta di domani, giovedì 16 novembre 2006. Rinvia, quindi, il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 14.45.


Pag. 21

COMITATO PERMANENTE PER I PARERI

Mercoledì 15 novembre 2006. - Presidenza del presidente Riccardo MARONE.

La seduta comincia alle 14.45.

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2007).
C. 1746/bis-A.
(Parere all'Assemblea).
(Esame emendamenti e conclusione - Parere).

Pierangelo FERRARI (Ulivo), relatore, propone di esprimere un parere di nulla osta sull'articolo aggiuntivo della Commissione 11.0600, nonché sui subemendamenti ad esso riferiti.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del relatore (vedi allegato 2).

La seduta termina alle 14.50.

COMITATO PERMANENTE PER I PARERI

Mercoledì 15 novembre 2006. - Presidenza del presidente Riccardo MARONE.

La seduta comincia alle 20.10.

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2007).
C. 1746/bis-A.
(Parere all'Assemblea).
(Esame emendamenti e conclusione - Parere).

Pierangelo FERRARI (Ulivo), relatore, propone di esprimere un parere di nulla osta sugli emendamenti e articoli aggiuntivi della Commissione 44.600, 51.600, 130.600, 142.600, 165.0600, 175.600, 186.600, 186.0600, 193.600, 194.600, 207.600. Si sofferma quindi sull'emendamento della Commissione 59.600, rilevando in proposito l'esigenza di tenere conto delle disposizioni di cui al quarto e al sesto comma dell'articolo 117 della Costituzione, che attribuiscono alle regioni e agli enti locali, rispettivamente, la potestà legislativa e regolamentare in materia di organizzazione degli uffici. Pertanto, con riferimento a tale emendamento, propone l'espressione di un parere favorevole a condizione che il comma 1-ter della lettera b) sia riformulato nel senso di non configurare come obbligatoria la riserva di posti nelle prove selettive ivi prevista.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del relatore (vedi allegato 3).

Delega al Governo per la revisione della disciplina relativa alla titolarità ed al mercato dei diritti televisivi.
C. 1496 Governo ed abb.
(Parere alla VII Commissione).
(Esame e conclusione - Parere favorevole).

Riccardo MARONE, presidente e relatore, tenuto conto che le modifiche apportate dalla Commissione di merito in fase di esame degli emendamenti non presentano profili problematici in ordina alla conformità costituzionale del provvedimento in titolo, sul quale il Comitato si era già espresso favorevolmente, formula una proposta di parere favorevole.

Roberto COTA (LNP) dichiara il proprio voto contrario sulla proposta di parere favorevole del relatore. In proposito fa presente che, pur essendo condivisibile il principio della gestione collettiva dei diritti, ritiene che lo strumento della delega riduca gli spazi per un esame approfondito della questione in sede parlamentare.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del relatore (vedi allegato 4).

La seduta termina alle 20.20.