XII Commissione - Resoconto di mercoledý 21 febbraio 2007


Pag. 121

SEDE CONSULTIVA

Mercoledì 21 febbraio 2007. - Presidenza del presidente Mimmo LUCÀ. - Interviene il sottosegretario di Stato per la salute Antonio Gaglione.

La seduta comincia alle 16.15.

DL 4/2007: Proroga della partecipazione italiana a missioni umanitarie e internazionali.
C. 2193 Governo.
(Parere alle Commissioni riunite III e IV).
(Seguito dell'esame e conclusione. - Parere favorevole).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta del 20 febbraio 2007.

Giuseppe ASTORE (IdV), relatore, conferma la proposta di parere favorevole.

Il sottosegretario Antonio GAGLIONE esprime parere conforme al relatore.

La Commissione approva la proposta di parere favorevole del relatore.

Modifiche al codice di procedura penale in materia di accertamenti tecnici idonei ad incidere sulla libertà personale.
Nuovo testo C. 782 Contento e abbinate.
(Parere alla II Commissione).
(Esame e rinvio).

La Commissione inizia l'esame del provvedimento.


Pag. 122

Americo PORFIDIA (IdV), relatore, ricorda che la Commissione è chiamata a rendere alla II Commissione il parere di competenza sul nuovo testo della proposta di legge C. 782, adottata come testo base, a cui sono abbinate le proposte C. 809 e C. 1967, come risultante dagli emendamenti approvati in sede referente. Il provvedimento è iscritto nel calendario dei lavori dell'Assemblea a partire da lunedì 26 febbraio e pertanto è necessario esprimere il parere entro la giornata di domani, in modo da consentire alla Commissione di merito di concludere l'esame in tempi compatibili con tale calendarizzazione. Il testo in esame, composto di sette articoli, intende colmare il vuoto normativo creatosi, in materia di accertamenti coattivi a fini di perizia, a seguito della sentenza n. 238 del 1996 della Corte costituzionale, con cui è stata dichiarata l'illegittimità costituzionale del secondo comma dell'articolo 224 del codice di procedura penale, nella parte in cui consente che il giudice, nell'ambito delle operazioni peritali, disponga misure che comunque incidano sulla libertà personale dell'indagato o dell'imputato o di terzi, al di fuori di quelle specificamente disciplinate, nei casi e nei modi, dalla legge. Il provvedimento è pertanto finalizzato ad introdurre nel codice di rito penale una disciplina che possa costituire un corretto bilanciamento tra le esigenze del processo e l'inviolabilità della libertà personale dell'individuo, garantita dall'articolo 13, secondo comma, della Costituzione. Ricorda quindi che l'articolo 1 introduce nel codice di procedura penale gli articoli 224-bis e 224-ter. L'articolo 224-bis stabilisce la possibilità per il giudice, quando si procede per delitto non colposo per il quale è stabilita la pena dell'ergastolo o della reclusione non inferiore nel minimo a tre anni ed è necessario compiere, per l'esecuzione della perizia, atti idonei ad incidere sulla libertà della persona - quali il prelievo di capelli, di peli o di mucosa del cavo orale ai fini delle determinazione del DNA - di disporre l'esecuzione coattiva, anche senza il consenso dell'interessato. Presupposto della esecuzione coattiva è l'assoluta indispensabilità di tali atti peritali ai fini dell'accertamento della prova dei fatti. L'accertamento invasivo non può essere disposto qualora possa mettere in pericolo la vita, l'integrità fisica, la salute della persona o del nascituro ovvero possa provocare sofferenze di non lieve entità e deve comunque essere effettuato nel rispetto della dignità e del decoro della persona. Il successivo articolo 224-ter disciplina la possibilità per il giudice di disporre le medesime operazioni di cui all'articolo precedente su persone diverse dall'indagato o dall'imputato. L'articolo 1-bis del provvedimento in titolo introduce nel codice di procedura penale l'articolo 359-bis, relativo alle modalità per l'esecuzione dei prelievi coattivi di campioni biologici su persone viventi nell'ambito delle indagini preliminari, mentre i successivi articoli 1-ter, 1-quater e 1-quinquies modificano alcune disposizioni del codice di procedura penale a fini di coordinamento con le nuove disposizioni introdotte dall'articolo 224-bis. Di particolare rilievo, anche ai fini della competenza della Commissione, è l'articolo 3-bis, che disciplina il prelievo di campioni biologici ed accertamenti medici su minori o su persone interdette per infermità di mente. Per tali casi si prevede che i soggetti incapaci siano accompagnati dalla persona che su di loro esercita la tutela, la quale deve acconsentire ad accompagnarle e a presenziare alle operazioni. In conclusione, condividendo le finalità generali del provvedimento, che concilia con equilibrio le esigenze processuali e la tutela della dignità della persona sottoposta ad accertamenti medici o a prelievi di campioni biologici a fini di giustizia, propone di esprimere per quanto di competenza della Commissione un parere favorevole.

Mimmo LUCÀ, presidente, nessuno chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 16.25.


Pag. 123

SEDE REFERENTE

Mercoledì 21 febbraio 2007. - Presidenza del presidente Mimmo LUCÀ. - Interviene il sottosegretario di Stato per la salute Antonio Gaglione.

La seduta comincia alle 16.25.

Nuove norme in materia di dispersione e di conservazione delle ceneri.
C. 1268 Zanotti.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, nella seduta del 14 febbraio 2007.

Mimmo LUCÀ, presidente, avverte che sul nuovo testo della proposta di legge C. 1268 risultante dall'approvazione di un ulteriore emendamento del relatore, interamente sostitutivo dell'articolato, sono pervenuti, da parte delle Commissioni competenti in sede consultiva, i pareri favorevoli delle Commissioni I e VIII e il nulla osta della V Commissione. Devono ancora esprimere il parere di competenza la II Commissione e la Commissione parlamentare per le questioni regionali. Il seguito dell'esame è pertanto rinviato ad altra seduta.

La seduta termina alle 16.30.

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 16.30 alle 16.40.

AVVERTENZA

Il seguente punto all'ordine del giorno non è stato trattato:

COMITATO RISTRETTO


Nuove norme in materia di parto.
C. 589 Lucchese, C. 1237 Palumbo, C. 1447 Bianchi e Poretti, C. 1611 Poretti, C. 1923 Governo, C. 1632 Dioguardi e C. 1754 Zanotti e Nicchi.