III Commissione - Mercoledý 13 giugno 2007


Pag. 171

ALLEGATO 1

Modernizzazione delle amministrazioni pubbliche (C. 2161 Governo e abb.).

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

La III Commissione (Affari esteri e comunitari),
esaminato per le parti di propria competenza il testo del disegno di legge C. 2161, come risultante dagli emendamenti approvati dalla I Commissione affari costituzionali in sede referente;
rilevato che le misure volte alla riduzione della certezza dei tempi amministrativi rivestono implicazioni del tutto specifiche in ordine alle pratiche di competenza degli uffici consolari, con particolare riguardo alla materia della cittadinanza, tali da ulteriormente rendere improcrastinabile il potenziamento degli uffici predetti;
considerata l'opportunità che la delega legislativa conferita al Governo dall'articolo 16, comma 3, sia esercitata anche con il concerto del Ministero degli affari esteri previo parere delle Commissioni parlamentati competenti, stante il rilievo della materia anagrafica, anche per quanto concerne l'anagrafe degli italiani residenti all'estero in relazione alla tutela dei diritti di cittadinanza ed in particolare del diritto di voto;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente condizione:
all'articolo 16, comma 3, dopo le parole: «Ministro dell'interno» siano inserite le parole: «di concerto con il Ministro degli affari esteri, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti».


Pag. 172

ALLEGATO 2

Modernizzazione delle amministrazioni pubbliche (C. 2161 Governo e abb.).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La III Commissione (Affari esteri e comunitari),
esaminato per le parti di propria competenza il testo del disegno di legge C. 2161, come risultante dagli emendamenti approvati dalla I Commissione affari costituzionali in sede referente;
rilevato che le disposizioni riferibili all'amministrazione del Ministero degli affari esteri sono inserite nel contesto di un provvedimento di cui si evidenzia l'eterogeneità delle materie che ne fanno oggetto;
osservato che le misure volte alla riduzione della certezza dei tempi amministrativi rivestono implicazioni del tutto specifiche in ordine alle pratiche di competenza degli uffici consolari, con particolare riguardo alla materia della cittadinanza, tali da ulteriormente rendere improcrastinabile il potenziamento degli uffici predetti;
considerata l'opportunità che la delega legislativa conferita al Governo dall'articolo 16, comma 3, sia esercitata anche con il concerto del Ministero degli affari esteri previo parere delle Commissioni parlamentati competenti, stante il rilievo della materia, anche per quanto concerne l'anagrafe degli italiani residenti all'estero in relazione alla tutela dei diritti di cittadinanza ed in particolare del diritto di voto;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente condizione:
all'articolo 16, comma 3, dopo le parole: «Ministro dell'interno» siano inserite le parole: «di concerto con il Ministro degli affari esteri, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti».