I Commissione - Resoconto di giovedý 2 agosto 2007


Pag. 7

COMITATO PERMANENTE PER I PARERI

Giovedì 2 agosto 2007. - Presidenza del presidente Riccardo MARONE.

La seduta comincia alle 8.45.

Disposizioni in materia di attività libero-professionale intramuraria e di esclusività del rapporto di lavoro dei dirigenti del ruolo sanitario del Servizio sanitario nazionale.
Emendamenti C. 2937 Governo, approvato dal Senato.
(Parere all'Assemblea).
(Esame e conclusione - Parere).

Riccardo MARONE, presidente, sostituendo il relatore, rileva che gli emendamenti contenuti nel fascicolo n. 1 non presentano profili critici per quanto attiene al riparto di competenze legislative di cui all'articolo 117 della Costituzione. Propone pertanto di esprimere su di essi parere di nulla osta.

Nessuno chiedendo di intervenire, il Comitato approva la proposta di parere del presidente.

La seduta termina alle 8.50.

SEDE REFERENTE

Giovedì 2 agosto 2007. - Presidenza del presidente Luciano VIOLANTE. - Interviene il sottosegretario di Stato per l'interno Ettore Rosato.

La seduta comincia alle 9.


Pag. 8

Estensione dei benefici riconosciuti in favore delle vittime del terrorismo, previsti dalla legge 3 agosto 2004, n. 206, alle vittime della criminalità organizzata e alle vittime del dovere a causa di azioni criminose, nonché ai loro familiari superstiti.
Testo unificato C. 1593 Pedrizzi, C. 2048 De Simone, C. 2327 Mazzoni e C. 2469 Forgione.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, nella seduta del 1o agosto 2007.

Luciano VIOLANTE, presidente, nel ricordare che sul provvedimento in esame il Governo segnala un problema di copertura finanziaria, esprime l'auspicio che tale problema possa essere superato, eventualmente distribuendo l'onere complessivo dell'intervento su più anni e prevedendo quindi la corresponsione di più ratei, in luogo di una somma una tantum. Sottolinea l'importanza dell'intervento, che si rende necessario anche per porre rimedio alla delicata situazione cui ha fatto cenno il deputato Zaccaria nella seduta di ieri: ai familiari del giudice Borsellino è stato riconosciuto il vitalizio previsto per i casi di vittime del terrorismo, mentre ai parenti degli agenti della sua scorta non è stato riconosciuto, in quanto gli stessi sono considerati vittime del dovere.

Roberto ZACCARIA (Ulivo), nell'osservare che quello richiamato dal presidente Violante non è l'unico caso di disparità di trattamento tra familiari di vittime di fatti criminosi, sottolinea che il problema deriva dal fatto che la normativa vigente in materia di benefici ai parenti delle vittime è il risultato della stratificazione di interventi successivi, realizzati di volta in volta in occasione del verificarsi nel Paese di episodi drammatici di criminalità o altro. Ricorda che, nella seduta di ieri, il sottosegretario Scotti ha tra l'altro segnalato che le provvidenze previste dal testo base in esame potrebbero essere inferiori a quelle già previste dalla legislazione vigente, il che non è certamente l'intento della Commissione. Quanto ai problemi di copertura finanziaria, ritiene si debba comunque evitare di rinviare l'intervento alla sessione di bilancio, considerato il severo regime di ammissibilità degli emendamenti al disegno di legge finanziaria, che certamente impedirebbe di proporre l'introduzione di norme quali quelle alle quali la Commissione sta lavorando.

Il sottosegretario Ettore ROSATO sottolinea preliminarmente che il Ministero dell'interno desidera la rapida approvazione del provvedimento, non da ultimo in considerazione del fatto che la mafia si combatte, a suo avviso, anche prestando attenzione alle sue vittime. Sotto il profilo tecnico, ribadisce che il dicastero dell'economia e delle finanze ha segnalato un problema di copertura finanziaria del provvedimento, per risolvere il quale una possibile soluzione è quella cui ha fatto cenno il presidente Violante: suddividere l'onere su più anni, prevedendo una corresponsione di somme agli aventi diritto scaglionata nel tempo. In ogni caso, ritiene che il percorso da seguire potrebbe essere il seguente: la Commissione potrebbe portare avanti l'iter del provvedimento, mentre il Governo cerca di rinvenire le occorrenti risorse, le quali potrebbero essere stanziate nella prossima legge finanziaria, nell'ambito dei fondi per la copertura dei provvedimenti da approvare nel corso dell'anno di riferimento, che in questo caso sarebbe il 2008. Aggiunge che il Ministero dell'interno, per parte sua, si adopererà presso il dicastero dell'economia e delle finanze perché le risorse siano trovate.

Luciano VIOLANTE, presidente, ritiene che la Commissione potrebbe utilmente chiedere l'intervento, in una prossima seduta, di un rappresentante del Governo afferente al Ministero dell'economia e delle finanze, per un confronto in relazione alla natura del problema e per sollecitare un impegno dell'Esecutivo a reperire le risorse occorrenti all'intervento normativo. Quindi, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.


Pag. 9

Modifiche alla legge 24 gennaio 1979, n. 18, concernente l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia.
C. 199 Zeller, C. 768 Marras e C. 2170 Palomba.
(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta del 1o agosto 2007.

Roberto ZACCARIA (Ulivo) osserva che, dall'ampia e dettagliata relazione del relatore e dai primi interventi svolti nella seduta di ieri, è emerso che l'ampiezza dell'intervento delineato, nel complesso, dalle tre proposte di legge in titolo rischia di impedire il raggiungimento di un ampio consenso. Esprime quindi l'avviso che sia preferibile un intervento più mirato e circoscritto.

Luciano VIOLANTE, presidente, nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 9.20.

AVVERTENZA

I seguenti punti all'ordine del giorno non sono stati trattati:

COMITATO DEI NOVE

Modernizzazione delle Amministrazioni pubbliche.
Emendamenti C. 2161-1505-1588-1688-A.

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

ERRATA CORRIGE

Nel Bollettino delle Giunte e delle Commissioni parlamentari n. 216 del 30 luglio 2007, a pagina sedici, ottova riga, deve leggersi: «D'Alia, C. 2586 cost. Boato, C. 2715 cost. Boato e C. 2865 cost. Casini» in luogo di: «D'Alia, C. 2586 cost. Boato e C. 2715 cost. Boato».